I bollettini di guerra del 11 gennaio 1941-42-43

Il Bollettino del Quartier Generale delle Forze armate venne diramato in Italia a partire dall’ 11 giugno 1940, per un totale di 1.201 comunicati. Esso, come venne indicato nelle disposizioni ufficiali, a partire dal 15 giugno 1940, sarà diramato alle ore 13 e conterrà tutto quanto concernente lo svolgimento delle operazioni sino alle ore 24 del giorno precedente.

Il 19 novembre 1940 venivano diramate con il Foglio di disposizioni n. 5 del P.N.F. le direttive riguardo al contegno da tenere durante l’ascolto del Bollettino di guerra, che prescriveva fra l’altro:

Nei pubblici ritrovi, allorchè viene trasmesso per radio il Bol­lettino di guerra, i fascisti presenti lo ascoltino in piedi. Il pubblico non tarderà a uniformarsi a questa esempio di compren­sione e di stile.

Noi abbiamo scelto di pubblicare gli stessi, raggruppando in un unico post tutti i bollettini emessi in quel giorno specifico, per tutti gli anni del conflitto mondiale.

  • Bollettino n. 218

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 11 gennaio 1941:

Nel canale di Sicilia, formazioni navali nemiche sono state sottoposte a intensi successivi attacchi di nostri reparti aerosiluranti e picchiatelli. Due aerosiluranti, aventi rispettivamente come capo equipaggio il capitano pilota Bernardini con osservatori il tenente di vascello Baffigo e il tenente pilota Caponetti, hanno colpito col siluro una nave portaerei. Una sezione di tre picchiatelli, aventi come capi equi­paggi i piloti tenente Malvezzi, sergente maggiore Mazzei e sergente Crespi, ha colpito un incrociatore con due bombe di grosso calibro. Altra squadriglia di picchiatelli ha attaccato e colpito con bombe di grosso calibro una nave portaerei. Malgrado la violentissima reazione contraerea e i reiterati attacchi della caccia avversaria, tutti i nostri velivoli sono rientrati alle basi. Contemporaneamente, per la prima volta, le unità del Corpo Aereo Tedesco, in fraterna e stretta colla­borazione con le unità aeree italiane, hanno brillantemente parteci­pato all’attacco delle stesse formazioni navali riuscendo a colpire una delle navi portaerei con bombe grosse e medie. Hanno inoltre col­pito un cacciatorpediniere. Nella notte del giorno 11 è stato bom­bardato il porto di La Valletta (Malta).

Sul fronte greco, hanno con­tinuato a svilupparsi azioni di carattere locale nel settore della 11a Ar­mata. Tentativi di attacchi avversari in altri settori sono stati respinti.

In Cirenaica, azioni di artiglierie nella zona di Tobruk e presso Gia­rabub. Una nostra formazione d’assalto e da caccia ha attaccato una formazione di carri armati e di autoblindo, distruggendone diverse; in combattimento aereo è stato abbattuto un velivolo da caccia tipo Hurricane. Incursioni aeree nemiche su Tobruk e nella zona di Ben­gasi hanno causato qualche danno e nove morti, dei quali sette bam­bini e quattro feriti tutti musulmani. E’ stato catturato l’equipaggio di un aereo inglese costretto ad atterrare.

In Africa orientale, è stata respinta un’incursione di autocarri armati sulla fronte del Sudan. Durante l’incursione aerea nemica in Eritrea, segnalata nel bollettino n. 215, un velivolo nemico è stato abbattuto. Ieri sera aerei nemici hanno sorvolato Palermo lanciando alcune bombe sul porto. Nessun danno alle persone; lievi danni alle ban­chine. Un aereo nemico è stato abbattuto. Un altro aereo nemico, tipo Blenheim, è stato abbattuto dalla nostra caccia nel golfo di Napoli.

  • Bollettino n. 588

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 11 gennaio 1942:

Continua violenta l’azione di fuoco terrestre ed aerea contro i nostri capisaldi di Sollum – Halfaya.

Nella Cirenaica occidentale elementi corazzati esploranti dell’avver­sario sono stati respinti.

Nostri velivoli hanno mitragliato colonne di automezzi ed attenda­menti lungo le retrovie nemiche.

Durante i combattimenti del giorno 8 nel cielo di Agedabia risulta abbattuto un quinto Curtiss.
Un’incursione aerea su Sirte ha causato 4 morti, 5 feriti, danni a fabbricati.

Sugli aerodromi di Malta anche ieri sono state ripetutamente lan­ciate bombe di ogni calibro.

  • Bollettino n. 961

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 11 gennaio 1943:

Attività esplorativa sul fronte sirtico.

Nella regione tunisina abbiamo respinto nuclei nemici, catturato qualche arma e fatto alcuni prigionieri.

In entrambi i settori, nonostante il maltempo, aliquote dell’aviazione italiana e germanica hanno a più riprese bombardato e mitragliato, con visibili effetti, lo schieramento avanzato e le colonne in movi­mento dell’avversario.

Cinque apparecchi venivano abbattuti in combattimento dai caccia­tori tedeschi.

Attacchi aerei contro l’isola di Lampedusa e Tripoli non causavano perdite; lievi i danni.

Nei pressi di Capo S. Vito (Palermo) sono stati rinvenuti, insieme alle salme dei sei componenti dell’equipaggio, i resti di un bimotore inglese colpito ed incendiato dalle artiglierie della difesa durante una precedente incursione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.