28 agosto 1944, il martirio della famiglia Ugazio

“In questo lembo di terra Cornelia Ugazio, di anni 21 e Mirka Ugazio, di anni 13 furono trucidate da elementi della 82ª Brigata d’Assalto partigiana “Osella” costrette ad assistere al martirio del padre Giuseppe Ugazio, troveranno, dopo violente sevizie, la morte il 28 agosto 1944, affinché rimanga un monito di pacificazione alle generazioni future,  gli… Read More 28 agosto 1944, il martirio della famiglia Ugazio

Gallarate, 29 aprile 1945, il vile assassinio del maggiore Adriano Visconti

Il 29 aprile 1945, a Gallarate, il maggiore Adriano Visconti di Lampugnano firmò la resa del suo reparto, il 1º Gruppo caccia “Asso di Bastoni” dell’A.N.R. l’Aeronautica Nazionale Repubblicana. L’atto venne controfirmato dai rappresentanti della Regia Aeronautica, del Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia (CLNAI), del Comitato di Liberazione Nazionale (CNL) e da 4 capi partigiani. L’accordo… Read More Gallarate, 29 aprile 1945, il vile assassinio del maggiore Adriano Visconti

13 aprile 1945, il martirio del giovanissimo seminarista Rolando Rivi

“Domani un prete di meno” Era venerdì quel tragico 13 aprile 1945 quando con questa motivazione, dopo avergli fatto scavare la fossa, il commissario politico della 27ª Brigata Garibaldi “Dolo”, decise la morte del giovanissimo seminarista Rolando Maria Rivi. Aveva da poco compiuto quattordici anni. Articolo completo cliccando sul link sottostante: “Non cercatelo. Viene un… Read More 13 aprile 1945, il martirio del giovanissimo seminarista Rolando Rivi

“Mai prima d’ora il buon nome dell’Italia è caduto così in basso nella mia Stima”

“Sono qui venuto per una incresciosa missione, per un anno e mezzo ho lavorato per il bene dell’Italia, la mia opera e la mia amicizia sono state, io lo so, riconosciute e apprezzate, è mio dovere dirvi che mai prima d’ora il nome dell’Italia è caduto tanto in basso nella mia stima, non è libertà,… Read More “Mai prima d’ora il buon nome dell’Italia è caduto così in basso nella mia Stima”

2 maggio 1945, la strage degli alpini della Monterosa a Saluzzo

Il 2 maggio del 1945, a guerra finita, cinque alpini della Repubblica Sociale Italiana, Adriano Adami, Giorgio Geminiani, Mario Frison, Guglielmo Lanza, Alberto Alongi, dopo un processo-farsa dei partigiani, si diressero alla loro fucilazione cantando. L’eccidio avvenne a Saluzzo, e i giovani erano tutti inquadrati nella divisione alpini Monterosa della Repubblica Sociale Italiana. Fra i cinque… Read More 2 maggio 1945, la strage degli alpini della Monterosa a Saluzzo

Il vile assassinio del maggiore Adriano Visconti di Lampugnano

Il 29 aprile 1945, a Gallarate, il maggiore Adriano Visconti di Lampugnano firmò la resa del suo reparto, il 1º Gruppo caccia “Asso di Bastoni” dell’A.N.R. l’Aeronautica Nazionale Repubblicana. L’atto venne controfirmato dai rappresentanti della Regia Aeronautica, del Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia (CLNAI), del Comitato di Liberazione Nazionale (CNL) e da 4 capi partigiani. L’accordo garantiva… Read More Il vile assassinio del maggiore Adriano Visconti di Lampugnano

15 gennaio 1946, quando a uccidere erano i partigiani. La morte di don Francesco Venturelli

Il 15 gennaio del 1946, quindi ampiamente a guerra conclusa, a Fossoli nel comune di Carpi provincia di Modena veniva assassinato don Francesco Venturelli, originario del mirandolese, parroco dal 1935 e addetto dal 1942 all’assistenza dei prigionieri del campo di concentramento sito nella località sopra citata. Potete leggere la storia completa cliccando sul link sottostante:… Read More 15 gennaio 1946, quando a uccidere erano i partigiani. La morte di don Francesco Venturelli

Le stragi dei vincitori: 5 maggio 1945, l’eccidio di Valdobbiadene

Il post odierno è dedicato a uno dei tanti eccidi, compiuti da partigiani o forse è meglio dire da criminali, ai danni di militari della Repubblica Sociale Italiana, a guerra ormai ufficialmente conclusa. La vicenda si svolge, quindi in violazione ad ogni norma di diritto internazionale, nella zona di Valdobbiadine nel trevigiano e coinvolse 47… Read More Le stragi dei vincitori: 5 maggio 1945, l’eccidio di Valdobbiadene

75 anni fa, i GAP colpiscono a Firenze “Non uccido l’uomo ma le sue idee!”

Il 15 aprile due gappisti fiorentini, Bruno Fanciullacci e Antonio Ignesti, dopo un attento e meticoloso lavoro di studio delle abitudini e degli orari della vittima, si appostarono nei pressi della Villa di Montalto al Salviatino, dove colui che era oggetto del vile attentato che i due stavano per compiere, si stava avvicinando, privo come… Read More 75 anni fa, i GAP colpiscono a Firenze “Non uccido l’uomo ma le sue idee!”