26 aprile 1945, l’ultimo discorso del comandante Borghese. La Decima non si arrende ma smobilita.

Siamo nel pomeriggio del 26 aprile 1945, quando dopo il rituale saluto “Decima, marinai!” seguito da “Decima, comandante!”, nel cortile di piazzale Fiume sede del comando della Decima MAS a Milano, il comandante Junio Valerio Borghese comincia a parlare davanti all’ordinata l’assemblea generale, per ragguagliare il personale sulla situazione, dopo i fatti del giorno precedente,… Read More 26 aprile 1945, l’ultimo discorso del comandante Borghese. La Decima non si arrende ma smobilita.

27 febbraio 1945, battaglia fra partigiani e Brigate Nere a Fabbrico

L’episodio oggetto del nostro post si inquadra nella terribile guerra civile che, insanguinò il centro ma soprattutto il nord Italia dalla fine del 1943 alla primavera del 1945. Si trattò di uno scontro aperto fra reparti delle Brigate partigiane Garibaldi di ispirazione comunista e reparti della Repubblica Sociale Italiana e per la precisione delle Brigate… Read More 27 febbraio 1945, battaglia fra partigiani e Brigate Nere a Fabbrico

Giuseppe Solaro, un fascista di sinistra

La figura di Giuseppe Solaro è una delle più affascinanti nell’ambito della breve vita della Repubblica Sociale Italiana e anche una fra le più nascoste dalla storiografia ufficiale. Nato nel 1914 a Torino fu Federale (segretario provinciale) del Partito Fascista Repubblicano del capoluogo piemontese e comandante della I Brigata Nera “Ather Capelli”, comando che lasciò… Read More Giuseppe Solaro, un fascista di sinistra

17 agosto 1944, la morte del marchese Felice Cordero di Pamparato

La sera del 17 agosto 1944, Felice Cordero marchese di Pamparato, comandante della Brigata partigiana “Campana” veniva impiccato a Giaveno in provincia di Torino, presso l’Albergo Centrale insieme a tre suoi compagni. Era stato catturato il giorno precedente durante un rastrellamento condotto dalle Brigate Nere «Ettore Muti» di Milano e «Ather Capelli» di Torino. Oltre… Read More 17 agosto 1944, la morte del marchese Felice Cordero di Pamparato

28 aprile 1945, la morte di Alessandro Pavolini il “superfascista”

Il 28 aprile 1945 veniva fucilato insieme ad altri 12 fra gerarchi e militari della Repubblica Sociale, Alessandro Pavolini segretario del Partito Fascista Repubblicano e comandante delle Brigate Nere. Sempre in prima linea fu l’ultimo ad arrendersi dopo un conflitto a fuoco con i partigiani, questa è la storia delle sue ultime ore di vita.… Read More 28 aprile 1945, la morte di Alessandro Pavolini il “superfascista”

Torino 31 marzo 1944, i GAP uccidono il giornalista Ather Cappelli

Ather Capelli nasce in una frazione di Ferrara il 31 ottobre 1902, terzo di nove figli. Il 15 marzo 1921 si iscrive al P.NF il Partito Nazionale Fascista, nato nel 1921 dalla trasformazione in partito del movimento dei Fasci italiani di combattimento con cui partecipò alla Marcia su Roma. Con gli inizi degli anni ’30… Read More Torino 31 marzo 1944, i GAP uccidono il giornalista Ather Cappelli

27 marzo 1944, la battaglia di Villa Santinelli

Il 19 marzo 1944, la popolazione di Sansepolcro nella Valtiberina insorse per protestare contro il coprifuoco anticipato alle 18 come misura di ritorsione per un aggressione subita da un fascista. Per la verità, più che di una sollevazione antifascista, si era trattato di una reazione spontanea e la sera stessa, forse nell’intento di dare un… Read More 27 marzo 1944, la battaglia di Villa Santinelli

Rudolf Jacobs ufficiale tedesco, disertore e partigiano

Il post odierno è dedicato a una figura che per vent’anni, per il suo doppio ruolo prima di ufficiale del Reich, poi di disertore (in Germania era repertato come ‘disperso’) e quindi partigiano in Italia, rimase nell’oblio totale dell’una e dell’altra parte. Solo nel 1957 la famiglia, venne informata della sua morte avvenuta in Liguria… Read More Rudolf Jacobs ufficiale tedesco, disertore e partigiano

L’ultima raffica di Salò, la morte di Alessandro Pavolini

Siamo nei ultimi tragici giorni della seconda guerra mondiale, il 25 aprile il Comitato di Liberazione Nazionale ha emanato l’ordine di insurrezione generale, la Repubblica Sociale è praticamente crollata i tedeschi pensano a ritirarsi verso la Germania. Dopo il fallimento delle trattative di resa con il CLN, Mussolini, dopo una riunione al palazzo della Prefettura a… Read More L’ultima raffica di Salò, la morte di Alessandro Pavolini

Milano 26 aprile 1945, la Decima non si arrende, smobilita

Il 26 aprile 1945, all’indomani dell’insurrezione generale partigiana la città di Milano presentava un aspetto desolante, abbandonata dalle autorità civili e militari. Mussolini e il governo della Repubblica Sociale, infatti alle 20 della sera precedente avevano lasciato il capoluogo milanese con un convoglio militare, alle cui testa si era posto Alessandro Pavolini. Segretario del Partito… Read More Milano 26 aprile 1945, la Decima non si arrende, smobilita