Pillole di Seconda Guerra Mondiale: 16 settembre

1940 –  Stati Uniti. Per la prima volta nella storia del paese vieni introdotta la prima coscrizione in tempo di pace.

1940 – Africa settentrionale. In Egitto truppe italiane conquistano Sollum ed avanzano sino a Sidi Barrani, 95 km circa a est della frontiera.

1941 – Contravvenendo agli accordi armistiziali, gli Alleati occupano la capitale Teheran. Per protesta, lo scià abdica a favore del figlio Mohammed Reza Khan

1941 – Stati Uniti. Il Dipartimento della Marina americana annuncia che la sua flotta atlantica proteggerà i convogli di materiale diretti ai paesi interessati alla legge “Affitti e prestiti” fino al limite del 260 meridiano Ovest.

1942 – Estremo Oriente. I giapponesi sgomberano l’Isola di Attu, nelle isole Aleutine trasferendone la guarnigione a Kiska

1943 – Italia. I tedeschi deportano gli ebrei da Merano.

1943 – Egeo. Forze inglesi occupano Samo, luogo di nascita del matematico Pitagora e del filosofo Epicuro.

1943 – Fronte italiano. Pattuglie della 5ª armata americana e dell’8ª britannica si ricongiungono nei pressi di Vallo della Lucania. Il Gruppo di armate Sud gemanico, inizia una cauta ritirata verso nord.

1944 – Grecia. Un contingente di Commandos britannici sbarca nell’Isola di Citera.

1944 – Fronte italiano. Il comando dell’8ª armata emana le istruzioni per il proseguimento dell’avanzata verso Rimini: il V corpo britannico proseguirà lungo la statale 9 in direzione di Bologna e il I corpo canadese verso Ravenna e Ferrara.

Fonte: Salmaggi e Pallavisini – 2194 giorni di guerra. Cronologia 2^ Guerra Mondiale e Wikipedia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.