16 luglio 1960, muore il “sorridente Albert”

Il 16 luglio del 1960 moriva a 75 anni a Bad Nauheim, cittadina dell’Assia, uno dei massimi protagonisti del secondo conflitto mondiale, prima sul fronte Mediterraneo e poi su quello italiano, il feldmaresciallo della Luftwaffe Albert Konrad Kesselring. Comandante supremo delle forze armate tedesche nel Mediterraneo e successivamente a capo del Gruppo di Armate Sud, riuscirà con la creazione di progressive linee di difesa, la Gustav prima e la Gotica principalmente, a contrastare efficacemente per quasi 20 mesi la risalita della penisola alle truppe alleate sbarcate in Sicilia il 10 luglio 1943

Durante la lunga campagna d’Italia, Kesserling fece reprimere duramente il movimento di Resistenza e fu responsabile di numerosi crimini di guerra e solo quando era ormai inevitabile lo sfondamento dell’ultima linea difensiva, Kesserling lasciò la penisola per essere trasferito sul fronte occidentale. Processato e condannato a morte per i crimini commessi durante il periodo 1943-45 in Italia, la pena verrà successivamente commutata in carcere a vita e infine scarcerato già nel 1952. Questa è la breve storia di uno, a detta di molti storici generali tedeschi più capaci. 

16 luglio 1960, muore il Feldmaresciallo Albert Kesserling

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.