Le Medaglie della Guerra d’Etiopia – Generale VINCENZO MAGLIOCCO – Lechemti, 27 giugno 1936

Nome e Cognome Vincenzo Magliocco
Luogo e data di nascita Palermo, 1º gennaio 1893
Forza Armata Regia Aeronautica
Specialità
Squadra e stormo 14º Stormo
Reparto
Unità
GradoGenerale di Brigata Aerea Comandante del 14º Stormo
Anni di servizio1914-1936
Guerre e campagne Prima Guerra Mondiale
Guerra d’Etiopia
Luogo e data del conferimento Lechemti, 27 giugno 1936
Luogo e data della morte Lechemti, 27 giugno 1936
Causa della morte Ucciso in combattimento con un gruppo di ribelli Arbegnuoc
Motivazione della Medaglia d’Oro «Conscio del pericolo cui andava incontro, ma orgoglioso di essere annoverato tra i pionieri dell’Italia imperiale, chiedeva, con generosa insistenza, di partecipare ad ardita impresa aeronautica intesa ad affermare, col simbolo del tricolore, il dominio civile di Roma su lontane contrade non ancora occupate. Minacciato nella notte da orde di ribelli, rifiutava la sicura ospitalità di genti amiche e preferiva affrontare con lo scarso manipolo di eroici compagni l’impari combattimento per difendere fino all’estremo sacrificio la bandiera della Patria.
Lekempti, 27 giugno 1936.»
Riconoscimenti e altre decorazioni Cavaliere dell’Ordine Militare di Savoia (Cielo dell’Etiopia, dicembre 1935 – aprile 1936)
Medaglia d’argento al valor militare (Piave-Zenson, novembre 1917)
Medaglia d’argento al valor militare (Cielo Basso Piave, marzo 1918)
Medaglia di bronzo al valor militare (Cielo del Piave, giugno-novembre 1918)
Promozione per merito di guerra al grado di tenente in S.A.P. (servizio attivo permanente)
A lui è stato intitolato l’aeroporto di Comiso fino al 7 giugno 2014, data della reintitolazione a Pio La Torre.
Luogo di sepoltura Informazione non reperita
Dati tratti da: https://it.wikipedia.org/wiki/Vincenzo_Magliocco

Il Generale Vincenzo Magliocco rimase ucciso insieme ad altri 11 italiani in quello che viene ricordato come eccidio di Lechemti o eccidio di Bonàia. Nella notte tra il 26 e il 27 giugno 1936 da un gruppo di guerriglieri etiopici attaccò una spedizione militare aerea italiana, guidata dal generale palermitano, accampata sull’aviosuperficie di Bonàia, nei pressi di Lechemti, nella regione occidentale dell’Etiopia. Fra coloro che rimasero uccisi in quel tragico giorno vi era fra gli altri anche Antonio Locatelli, l’unico militare italiano decorato con tre Medagli d’Oro al Valor Militare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.