I bollettini di guerra del 20 aprile 1941-42-43

Il Bollettino del Quartier Generale delle Forze armate venne diramato in Italia a partire dall’ 11 giugno 1940, giorno in cui venne emesso il n° 1, fino al tragico 8 settembre 1943, per un totale di 1.201 comunicati. Esso, come venne indicato nelle disposizioni ufficiali, a partire dal 15 giugno 1940, sarà diramato alle ore 13 e conterrà tutto quanto concernente lo svolgimento delle operazioni sino alle ore 24 del giorno precedente.

Il 19 novembre 1940 venivano diramate con il Foglio di disposizioni n. 5 del P.N.F. le direttive riguardo al contegno da tenere durante l’ascolto del Bollettino di guerra, che prescriveva fra l’altro:

Nei pubblici ritrovi, allorchè viene trasmesso per radio il Bol­lettino di guerra, i fascisti presenti lo ascoltino in piedi. Il pubblico non tarderà a uniformarsi a questa esempio di compren­sione e di stile.

Noi abbiamo scelto di pubblicare gli stessi, raggruppando nello stesso post tutti i bollettini emessi in quel giorno specifico, per tutti gli anni del conflitto mondiale.

  • Bollettino n. 318

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 20 aprile 1941:

Nella giornata di ieri, le divisioni della 9a e dell’11a Armata hanno quasi ovunque raggiunto le frontiere del Regno d’Albania, stron­cando le resistenze tenaci delle forti retroguardie greche e superan­do numerosissime interruzioni stradali. Catturati numerosi prigio­nieri e ingenti quantità di armi e materiali. Numerose unità aeree da caccia, da bombardamento e d’attacco in picchiata, per un totale di 450 velivoli, hanno compiuto intense, continue azioni contro l’esercito greco in ritirata. Sono stati colpiti concentramenti di trup­pe, baraccamenti, postazioni di artiglierie ed interrotti ponti e rota­bili. Centinaia di automezzi carichi di truppe e di materiali sono stati distrutti. L’aeroporto di Katsika (Giànnina) è stato attaccato a volo radente: cinque velivoli sono stati incendiati al suolo. È stata bombardata la base navale di Prevesa.

Formazioni del Corpo Aereo Tedesco hanno bombardato l’aeroporto di Micabba e il porto di La Valletta (Malta): sono stati colpiti impianti portuali ed è stato danneggiato un piroscafo di grosso tonnellaggio.

Un nostro sommer­gibile ha silurato nel Mediterraneo orientale un cacciatorpediniere nemico.

Nell’Africa settentrionale, attività di artiglierie e di pattu­glie nella zona di Tobruk. Velivoli nemici hanno bombardato Ben­gasi e Tripoli: ne vittime, ne danni apprezzabili.

Nell’Africa orientale, nulla di notevole da segnalare.

  • Bollettino n. 688

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 20 aprile 1942:

Sul fronte cirenaico saltuari contatti di elementi avanzati; reparti esploranti nemici sono stati costretti a ritirarsi.

L’aviazione inglese ha compiuto un’incursione notturna su Bengasi: non sono segnalate perdite umane né danni di rilievo.

Il nostro sommergibile Bianchi non è tornato alla base.

Grosse formazioni aeree dell’Asse hanno condotto violenti attacchi contro l’isola di Malta e intensamente battuto attrezzature belliche, magazzini, depositi, postazioni contraeree.

Nella zona degli obiettivi, sconvolta da ripetute esplosioni, sono di­vampati vasti incendi visibili fin dalle coste della Sicilia; buon nume­ro di velivoli avversari è stato pure distrutto o danneggiato al suolo.

  • Bollettino n. 1.060

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 20 aprile 1943:

Su tutto il fronte tunisino violento fuoco di artiglierie; attacchi lo­cali di reparti nemici sono stati respinti.

Intensa l’attività delle opposte aviazioni: la nostra ha bombardato obiettivi delle retrovie avversarie in azioni diurne e notturne; 13 ap­parecchi risultano abbattuti da cacciatori germanici.

Nella incursione nemica su La Spezia si deplorano 8 morti e 50 feriti. Un velivolo nemico è stato abbattuto.

Nel Tirreno un sommergibile nemico è stato affondato, dopo pro­lungata caccia, da una nostra unità antisommergibile al comando del sottotenente di vascello Renato Riccomanni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.