6 marzo 1945, battaglia fra partigiani e alpini della R.S.I. in Val Varaita

Il 6 marzo del 1945, il battaglione «Bassano» reparto della divisione alpina “Monterosa” inquadrato nell’Esercito Nazionale Repubblicano della Repubblica Sociale arrivò nella zona del Santuario di Valmala, il più importante santuario della diocesi di Saluzzo. La piccolissima località situata nella Valle Varaita, provincia di Cuneo, dal primo gennaio 2019 è stata incorporata dal comune limitrofo di Busca.

Il complesso del santuario della Madre della Misericordia di Valmala, uno tra i più noti dell’intero Piemonte è costituito da un’ampia chiesa rivolta al paese, con campanile e grande porticato. Nei pressi del piazzale sorgono inoltre, due grandi edifici: il Palazzo Vecchio o Case del Pellegrino (di fine Ottocento), e il Palazzo Nuovo (del 1925); adibiti all’accoglienza dei villeggianti.

La venerazione verso la Madre della Misericordia iniziò nel 1834, anno in cui, secondo la tradizione, confermata da documenti scritti, la Madonna apparve più volte ad alcuni pastorelli che pascolavano le loro mandrie su quei pascoli montani. L’anno seguente, come promesso per voto, venne eretto il pilone sul luogo delle apparizioni, nel 1840 venne eretta la cappella e nel 1851, venne costruito il santuario, che ingloba entrambi.

Tornando alla vicenda oggetto del nostro post odierno, nei pressi del santuario gli alpini sorpresero un gruppo di partigiani armati appartenenti alla  181ª brigata Garibaldi “Morbiducci” e più precisamente del distaccamento Bottazzi. Nello scontro a fuoco che ne seguì rimasero uccisi nove appartenenti alle formazioni partigiane. Come spiegano dall’Anpi di Verzuolo e val Varaita

«Azzerarono l’intero comando della brigata garibaldina e due delle vittime furono ammazzate a sangue freddo, già ferite».

I caduti furono:Ernesto Casavecchia, Giorgio Minerbi, Andrea Ponzi, Tommaso Racca, Pierino Panero, Alessandro Rozzi, il russo Ivan Volhov Pavlovich, Francesco Salis, Biagio Trucco. 

Come si evince dal diario storico del battaglione Bassano, nove furono i partigiani che rimasero uccisi, mentre 4 vennero fatti prigionieri. Nell’ambito dell’operazione vennero anche fermati 4 renitenti alla leva e un disertore della divisione Littorio e recuperati armi ed equipaggiamento. 

Come ogni anno, da più di settant’anni, l’ANPI Verzuolo-valle Varaita organizza nella domenica più vicina alla data del 6 marzo la commemorazione di uno degli avvenimenti più dolorosi dell’intera vicenda resistenziale in valle. Grazie per aver letto il nostro post e con la speranza che vogliate continuare a seguirci Vi diamo appuntamento al prossimo. Mi piace e commenti e/o suggerimenti su come migliorare l’articolo e il blog in generale, saranno molto graditi.

Un pensiero riguardo “6 marzo 1945, battaglia fra partigiani e alpini della R.S.I. in Val Varaita

  1. Cari Amici, questi fatti di lotta fratricida fra italiani, mi addolora, nn riesco ha capacitarmi, datati 30gg prima della fine dell guerra.
    Nn ho parole se nn fdolore
    Mario fornaroli

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.