I bollettini di guerra del 1 febbraio 1941-42-43

Il Bollettino del Quartier Generale delle Forze armate venne diramato in Italia a partire dall’ 11 giugno 1940, giorno in cui venne emesso il n° 1, fino al tragico 8 settembre 1943, per un totale di 1.201 comunicati. Esso, come venne indicato nelle disposizioni ufficiali, a partire dal 15 giugno 1940, sarà diramato alle ore 13 e conterrà tutto quanto concernente lo svolgimento delle operazioni sino alle ore 24 del giorno precedente.

Il 19 novembre 1940 venivano diramate con il Foglio di disposizioni n. 5 del P.N.F. il Partito Nazionale Fascista, le direttive riguardo al contegno da tenere durante l’ascolto del Bollettino di guerra, che prescriveva fra l’altro:

Nei pubblici ritrovi, allorchè viene trasmesso per radio il Bol­lettino di guerra, i fascisti presenti lo ascoltino in piedi. Il pubblico non tarderà a uniformarsi a questa esempio di compren­sione e di stile.

Noi abbiamo scelto di pubblicare gli stessi, raggruppando in un unico post, tutti i bollettini emessi in quel giorno specifico, per tutti gli anni del conflitto mondiale.

  • Bollettino n. 238

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 1 febbraio 1941:

Sul fronte greco, normale attività di artiglierie e di pattuglie. Sono stati attaccati a volo radente ed efficacemente spezzonati concentra­menti di truppe nemiche. Nella Cirenaica, nostre unità corazzate hanno attaccato e respinto a sud del Gebel mezzi nemici, che sono stati bombardati dalla nostra aviazione.

Nell’Africa orientale, è con­tinuata la battaglia sul fronte nord; in accaniti combattimenti le no­stre valorose truppe, nazionali e coloniali, hanno inflitto notevoli perdite al nemico; anche le nostre perdite sono sensibili. L’Aero­nautica ha continuato a dare, con instancabile slancio, il proprio ef­ficace contributo alla lotta.

Durante una crociera notturna di nostre torpediniere nelle acque dell’Egeo, una torpediniera al comando del capitano di corvetta Francesco Mimbelli ha avvistato ed attaccato un convoglio di piroscafi scortato. Uno di essi, di almeno 10.000 ton­nellate, è stato colpito ed è subito affondato. Nonostante la violenta reazione della scorta, le nostre unità sono rientrate incolumi alla base.

  • Bollettino n. 610

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 1 febbraio 1942:

Barce è stata raggiunta ed oltrepassata. Le truppe nostre e tedesche continuano ad incalzare il nemico.

Sulle forze in ripiegamento e sulle retrovie avversarie, l’aviazione dell’Asse ha rinnovato instancabilmente i suoi attacchi: molti auto­mezzi risultano incendiati e distrutti.

Incursioni inglesi su Tripoli e Misurata hanno causato danni tra­scurabili. Non sono segnalate vittime.

Velivoli germanici hanno proseguitole operazioni diurne e notturne di distruzione delle basi dell’isola di Malta.

  • Bollettino n. 982

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 1 febbraio 1942:

Forti azioni di reparti blindati e di artiglierie sono continuate da parte nemica nella Tripolitana occidentale, sempre contrastate dalla nostra immediata reazione: 5 carri armati, alcuni cannoni e nu­merosi automezzi avversari venivano distrutti.

In Tunisia proseguono i combattimenti nelle zone raggiunte i gior­ni scorsi dalle truppe dell’Asse che hanno preso un centinaio di pri­gionieri e immobilizzato 12 carri armati.

In aspri duelli la caccia germanica abbatteva io velivoli mentre altri 4 venivano distrutti dalle batterie contraeree.

Nostri cacciatori di scorta ad un convoglio in navigazione nel Me­diterraneo sventavano l’attacco di bombardieri britannici e facevano precipitare in mare un Beaufighter.

Quadrimotori americani si sono ieri portati tre volte sul cielo di Mes­sina sganciando numerose bombe e causando danni .ingenti a molti fabbricati: il numero delle vittime é in via di accertamento. Ad opera della difesa contraerea italo – germanica di Reggio Calabria e Messina, 3 Liberator venivano abbattuti.

Uno degli apparecchi che avevano agito su Messina, mitragliava e spezzonava una casa presso Melito di Porto Salvo (coste meridionali della Calabria): sono segnalati sei morti, fra cui l’Arcivescovo della Diocesi in visita pastorale e cinque feriti civili.

Altre incursioni su Catania, Trapani ed Augusta, causavano danni a fabbricati; non ancora precisate le vittime. Le artiglierie della di­fesa abbattevano tre degli aerei incursori su Augusta, visti precipi­tare in fiamme ed esplodere, uno a nord – est di Siracusa, un altro a levante della penisola di Magnisi ed il terzo a nord – est della città. La contraerea di Trapani ha abbattuto due apparecchi che sono ca­duti, uno tra gli scogli Porcelli e Asinelli e l’altro a nord della città. Una nostra corvetta e una torpediniera sono affondate per azione nemica al largo delle coste tunisine. L’arrivo immediato dei mezzi di soccorso ha permesso di salvare la quasi totalità degli equipaggi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.