I bollettini di guerra del 10 dicembre 1940-41-42

Il Bollettino del Quartier Generale delle Forze armate venne diramato in Italia a partire dall’ 11 giugno 1940, per un totale di 1.201 comunicati. Esso, come venne indicato nelle disposizioni ufficiali, a partire dal 15 giugno 1940, sarà diramato alle ore 13 e conterrà tutto quanto concernente lo svolgimento delle operazioni sino alle ore 24 del giorno precedente.

Il 19 novembre 1940 venivano diramate con il Foglio di disposizioni n. 5 del P.N.F. le direttive riguardo al contegno da tenere durante l’ascolto del Bollettino di guerra, che prescriveva fra l’altro:

Nei pubblici ritrovi, allorchè viene trasmesso per radio il Bol­lettino di guerra, i fascisti presenti lo ascoltino in piedi. Il pubblico non tarderà a uniformarsi a questa esempio di compren­sione e di stile.

Noi abbiamo scelto di pubblicare gli stessi, raggruppando in un unico post tutti i bollettini emessi in quel giorno specifico, per tutti gli anni del conflitto mondiale.

  • Bollettino n. 186

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 10 dicembre 1940:

Sul fronte greco, alla nostra sinistra e nel settore dell’Osum sono stati ributtati attacchi del nemico, che, sopraffatto dalla nostra im­mediata reazione, ha subito gravi perdite. Sul resto del fronte le no­stre truppe si sono consolidate sulle nuove posizioni occupate. Alla testa dei suoi battaglioni alpini è valorosamente caduto il colonnello Psaro.

In Africa settentrionale, sono stati abbattuti quattro apparec­chi nemici.

In Africa orientale, il nemico ha effettuato una incur­sione nella zona di Tessenei, con un piccolo reparto guidato da un ufficiale inglese e montato su autocarri che portavano la bandiera italiana. A malgrado di ciò, riconosciuto il nemico, il tentativo è stato sventato dal pronto intervento di una nostra mezza compagnia. Il reparto inglese, il cui comandante è caduto, ha prontamente ripie­gato con gravi perdite. Da parte nostra un ufficiale e alcuni ascari feriti. Azioni aeree nemiche su Assab e lungo la ferrovia di Gibuti non hanno recato danni sensibili.

  • Bollettino n. 556

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 10 dicembre 1941:

Nella zona di Sollum si è accentuata la pressione avversaria, sui ca­pisaldi tenuti dalle nostre truppe. A sud di Tobruk sono continuati i combattimenti: mezzi corazzati nemici risultano distrutti.
Formazioni aeree dell’Asse hanno rinnovato, con successo, gli at­tacchi contro notevoli ammassamenti di automezzi nemici ad est di Bir el Gobi e su autocolonne in marcia; anche Tobruk e forti con­centramenti di unità corazzate nella zona ad est della Piazza sono stati efficacemente bombardati.

In numerosi scontri aerei 19 apparecchi avversari risultano abbattuti: 13 dai nuovi apparecchi della nostra caccia, 6 da quella germanica; 2 velivoli nemici distrutti dalla difesa contraerea di Agedabia e di Sollum. Otto nostri apparecchi risultano mancanti.

Aeroplani nemici hanno lanciato bombe su Derna e Bardia: in quest’ultima località sono stati colpiti 2 ospedali da campo visibilmente recanti i segni della Croce Rossa; qualche ferito tra i ricoverati. Nella notte sul 10 l’aviazione avversaria ha attaccato Trapani: danni insignificanti.

Nostri aerei hanno bombardato, con visibile efficacia, impianti dell’isola di Malta.

Un nostro piroscafo di ritorno dalla Libia con 2.000 prigionieri bri­tannici è stato silurato sotto le coste della Grecia da un sommergi­bile nemico. Sono in corso operazioni di salvataggio.

 Bollettino n. 929

Il Quartier Generale delle Forze Armate comunica in data 10 dicembre 1942:

Tiri di artiglierie sul fronte cirenaico. Durante un attacco effettuato su di un aeroporto da velivoli d’assalto germanici sette apparecchi britannici venivano incendiati al suolo.

In Tunisia nostre pattuglie hanno svolto intensa attività esplorativa. Ad occidente di Tebourba è stata respinta una puntata di mezzi blin­dati avversari alcuni dei quali sono stati distrutti.

Torino é stata nuovamente bombardata questa notte da aeroplani nemici. Molti gliedifici colpiti, i crolli e gli incendi: ingenti, nel complesso, i danni.

II numero delle vittime della precedente incursione é stato finora accertato in 65 morti e 112 feriti; non ancora precisate le perdite della notte scorsa.

Una formazione del 105° gruppo aerosiluranti, al comando del ca­pitano pilota Urbano Mancini, superando condizioni atmosferiche particolarmente avverse, compiva ieri una ardita azione contro il naviglio nemico nella rada di Algeri: due piroscafi rispettivamente da 16.000 e 10.000 tonnellate, centrati, saltavano in aria; nel succes­sivo combattimento con la caccia avversaria un Curtiss era abbat­tuto. Gli aerei hanno fatto tutti ritorno alla base.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.